Il progetto Dizionario vivente. Dall’inglese allo zulu,le lingue passano da qui

Un’opera colossale realizzata grazie a 2.800 volontari. I vocabolari di 200 idiomi. consultabili su www.logos.net

Le lingue del mondo a portata di tutti grazie a Internet. La Logos, uno dei maggiori operatori mondiali nel settore delle traduzioni, sul portale www.logos.net. Le lingue del mondo a portata di tutti grazie a Internet. La Logos, uno dei maggiori operatori mondiali nel settore delle traduzioni, sul portale www.logos.net lancia una vera e propria campagna per la salvaguardia delle lingue. Per i parlanti e gli appassionati di tutto il globo, ce n’è per tutti i gusti…anzi per tutte le lingue.
Dal Dizionario vivente-New dictionary in 200 idiomi e 10 milioni di vocaboli, al Dizionario dei Bambini in 120 lingue, passando per Wordtheque, www.wordtheque.com, una “biblioteca senza scaffali” con oltre 28mila testi, tutti consultabili gratuitamente online.
Dall’italiano all’inglese, passando per arabo, cinese, catalano, friulano, zulu, sardo, veneto, siciliano e quechua (la lingua degli indios di Bolivia, Ecuador, Bolivia, Argentina e Colombia), ogni navigatore può entrare in contatto con le più svariate culture e lingue: locali, regionali, nazionali. Multietnico è anche lo staff che, dal quartier generale del Gruppo Logos a Modena, coordina l’ambizioso progetto.
«I nostri servizi, tutti gratuiti, sono un contributo alla multiculturalità più piena, vissuta dal locale al globale», spiega Farhad Pezeshki, giovane giornalista iraniano responsabile del Dizionario vivente multilingue. «Un contributo che vede in prima linea un pacifico esercito di 2.800 collaboratori volontari da diversi Paesi, che ogni giorno aggiungono via Internet nuove parole nei dizionari», continua. «Le parole suggerite online,vengono controllate dagli esperti di ogni idioma», spiega la moldava Julia Railean. «Ogni giorno riceviamo nuovi testi e si aggiungono alla nostra famiglia collaboratori da ogni parte del mondo», le fa eco il cileno Javier Peterson, responsabile di Wordtheque.«Il più delle volte», continua «sono proprio gli utenti del sito a suggerire nuove lingue trovando altri collaboratori».
Per chi ama le citazioni, c’è anche Verba volant. «Quotidianamente inviamo via email gratuitamente a migliaia di sottoscrittori, frasi di celebri scrittori, poeti, filosofi, tradotte in oltre 40 idiomi» spiega la polacca Magdalena Gmur. Se volete anche voi essere del giro…, basta un clic, andate sul sito e inserite la vostra email.

Link della notizia: http://www.vita.it/it/article/2002/03/08/il-progetto-dizionario-vivente-dallinglese-allo-zulule-lingue-passano-/9924/

Farhad Pezeshki

Giornalista e traduttore libero professionista.